I casino on line sicuri passano anche per il software ma non solo

Ogni volta che ci si avvicina ai servizi accessibili attraverso il web ci si sente in dovere di informarsi sulla sicurezza, un aspetto fondamentale e in parte supportato dalle disavventure capitate a tanti internauti inesperti. Attualmente, quando ci si rivolge ai casino online AAMS si ha la certezza di usufruire di grande sicurezza, a partire dal download del o dei programmi da scaricare, quando richiesto, all’accesso al gioco, o alla protezione dei dati personali. Infatti la normativa impone ai vari casino, affinché possano ottenere l’autorizzazione ad operare nel mercato del glaming, il rispetto di standard molto elevati, tra i quali la protezione dei nominativi dei giocatori che hanno ottenuto delle vincite, ecc.

Alcuni casino scelgono di offrire una tutela addirittura superiore attraverso l’impiego di programmi speciali, soprattutto quando si tratta delle operazioni che hanno al centro il trasferimento di denaro. In questo senso però anche la scelta dei metodi di pagamento può rafforzare le proprie tutele: ad esempio l’uso di trasferimenti elettronici generalmente costituiscono metodi con sicurezza elevata, ma nel caso delle carte prepagate la tutela aumenta ulteriormente. Quando si scelgono le carte di credito (soprattutto Visa o Mastercard) si hanno meccanismi di protezione pensati proprio per il web che si vanno ad aggiungere a quelli predisposti dal casinò stesso. Tuttavia il successo di tutti questi provvedimenti e accorgimenti dipende soprattutto dall’uso che se ne fa, ovvero dall’impiego e dal rispetto delle regole da parte dello stesso giocatore.

Infine, anche con riguardo ai metodi di pagamento messi a disposizione dai differenti casinò online, la scelta deve essere fatta anche tenendo presenti gli eventuali costi di commissione applicati. Alcuni metodi non prevedono di norma delle commissioni (come il caso delle carte di credito, ma non mancano le eccezioni), altri metodi prevedono delle commissioni fisse (che possono essere nell’ordine di qualche euro o sopra i 10 euro), mentre i  altri casi manca la trasparenza sui costi.